SCHOOL MOVIE – CINEDU’

Si scrive “School Movie-Cinedú”, si legge emozioni. Condivise. Da tutti, nessuno escluso. Impossibile quando al centro del mondo vengono messi i bambini del presente, che tra qualche tempo diventeranno inevitabilmente gli adulti del futuro. Ma prima di arrivare a quel giorno, a tutti loro toccherà fare un lungo percorso. Di crescita.

Un percorso durante il quale “School Movie-Cinedù” vuole provare ad avere un ruolo di grande supporto. In alcuni casi anche di aiuto. Perché non sempre può essere semplice per un bambino riuscire a spogliarsi delle paure e delle incertezze che si vivono a quell’età. Ma se almeno per un attimo la tecnologia viene sostituita dalla scrittura, dal confronto e dalla recitazione tutto può diventare più facile. Anzi, più bello.

Momenti da vivere in sinergia con l’amministrazione comunale, con la scuola, con gli amici, con le famiglie e molte volte con un’intera popolazione pronti a indossare per una volta i panni degli attori. Il modo migliore per lavorare di squadra e divulgare quei valori sociali e territoriali che sono fondamentali per costruire una società civile e far proseguire il percorso sulla strada giusta agli adulti del futuro.

Il progetto

“School Movie-Cinedù” è una rassegna cinematografica per Istituti Scolastici e consiste nella realizzazione di cortometraggi da parte degli alunni delle Scuole Primarie e delle Scuole Secondarie di I Grado che aderiscono al progetto. Gli alunni sono coinvolti in tutte le fasi riguardanti la realizzazione del corto: scelta del tema da trattare, stesura del soggetto e della sceneggiatura, interpretazione. In questo modo diventano loro stessi autori ed interpreti dell’opera realizzata.

Dal 2013 “School Movie-Cinedù” vanta la prestigiosa partnership con Il Giffoni Film Festival (Giffoni Experience), direttore Claudio Gubitosi. Dal 2015, invece, la Finale si svolge nel mese di luglio proprio in occasione del Giffoni Film Festival. Parte degli short film che giungono all’atto conclusivo della manifestazione superano le varie tappe di avvicinamento al GFF, dei veri e propri eventi culturali e sociali organizzati in diverse città della Campania.

Tutto nasce nel 2013

Spesso le cose più belle nascono all’improvviso, da un’idea istintiva trasformata poi in realtà nel corso del tempo. Una grande realtà, che oggi si chiama “School Movie-Cinedù”, costruita con impegno e passione da un’instancabile Enza Ruggiero. Proprio nel tempo, come è giusto che sia. Diventando così anno dopo anno un punto di riferimento importante in tutta la Campania che nell’ormai lontano 2013 abbracciava per la prima volta la 1° edizione di un progetto che a quei tempi si chiamava “Una scuola da Oscar”.

L’affermazione negli anni successivi

Entrato sin da subito nel cuore delle persone, dal 2014 in poi la crescita di “School Movie-Cinedù” non si è più arrestata. Sotto tutti i punti di vista. Anzi l’entusiasmo e l’aggregazione attorno al progetto sono aumentati a dismisura. Da parte di tutti: comuni, scuole, alunni e famiglie. Di cortometraggio in cortometraggio, di tappa in tappa, di finale in finale, di edizione in edizione. E così dal primo evento organizzato in una sola città, si è passati step by step all’intera Regione.

Il presente e il futuro

Una crescita esponenziale, confermata dai numeri. E che numeri, da record. Aspettando di festeggiare tra qualche tempo i dieci anni di vita, nel 2019 “School Movie-Cinedù” è stato protagonista in ben 52 Comuni di tutta la regione Campania. Che tradotto ha significato una presenza costante in oltre 160 Istituti Scolastici del territorio e il coinvolgimento di più di 8 mila ragazzi che sono diventati i protagonisti degli oltre 300 video realizzati e l’organizzazione di 13 tappe di avvicinamento alla finale. Numeri che, a quanto pare, nel 2020 potrebbero essere doppiati. Perché oltre alla Campania, ora anche altre regioni del bel paese hanno deciso di legare il proprio nome a “School Movie-Cinedù”.

Le tematiche trattate

Una volontà che nasce dalla possibilità di poter parlare attraverso gli occhi e la voce dei bambini di tematiche importanti e delicate, ma anche dalla possibilità di poter far conoscere, o in alcuni casi più semplicemente ricordare, le bellezze di quei luoghi che troppe volte dimentichiamo facilmente.
Sociale e Territorio sono, infatti, le due macro-aree attorno alle quali è possibile realizzare i cortometraggi. All’inizio di ogni edizione, poi, viene scelta anche una parola chiave che rappresenterà il filo conduttore dell’intero evento: nel 2016 la scelta è ricaduta su “Sogni”, nel 2017 su “Amore”, nel 2018 invece su “Libertà”, nel 2019 su “Bellezza”, mentre il tema del 2020 è il “Coraggio”.

Gli ospiti

Anche in occasione della finale 2020 i vincitori della scuola Primaria e Secondaria riceveranno il premio dalle mani di figure di spicco del nostro territorio. Diverse le autorità che hanno presenziato alla finale: il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Maria Elena Boschi, il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca, il Presidente del Consiglio Regionale Campania Rosetta D’Amelio, l’assessore regionale alla Formazione e alle Pari Opportunità Chiara Marciani. E non solo.

Presenti, infatti, all’evento anche numerosi personaggi del mondo dello spettacolo: i giornalisti Michele Cucuzza, Gigi Marzullo, Rino Genovese e Luca Abete, i conduttori di Radio KissKiss Pippo Pelo e Adriana Petro, il presentatore Rosario Morra, l’attrice Cristina Donadio e il cantante Giovanni Caccamo.